TAB SOCI LATERALE
icon_new_lat
ICONA SPAZIO SOCI ARANCIO
ICONA RASSEGNA STAMPA FONDO ARANCIO
MI PIACE - Banca Centro Emilia
icon_new_lat
 
MENU a scomparsa - TARGET PRODOTTI
 

NORMATIVE

Anatocismo

Scheda informativa

Video informativo di Banca d'Italia


Antiriciclaggio

Approfondimenti


Basilea

Informative al pubblico


Centrale di allarme interbancaria

Modulistica per l'accesso ai dati personali - consultazione delle segnalazioni (dati nominativi) 

Accesso alle informazioni relative ad assegni bancari o postali smarriti o sottratti (dati non nominativi)


Direttiva BRRD

Nell'ambito dell'attività volta a promuovere l'educazione finanziaria dei cittadini, la Banca d'Italia pubblica un documento su "Che cosa cambia nella gestione delle crisi bancarie", che illustra, tra l'altro, che cosa è e come funziona il bail-in (salvataggio interno). Il 2 luglio scorso il Parlamento ha infatti approvato la legge delega per il recepimento della direttiva BRRD (Bank Recovery and Resolutione Directive) che introduce in tutti i paesi europei regole armonizzate per prevenire e gestire le crisi delle banche e delle imprese di investimento. Altro documento utile, sempre redatto da Banca d'Italia, è il secondo allegato, che dà risposta alle 10 domande più significative.

Che cosa cambia nella gestione delle crisi bancarie

Decreto salva banche: risposte alle domande dei risparmiatori


Rating legalità

Relazione annuale 2016 ai sensi dell'art.6 D.M. 20 febbraio 2014, n. 57

Relazione annuale 2015 ai sensi dell'art.6 D.M. 20 febbraio 2014, n. 57


Responsabilità amministrativa degli Enti

Ex DLgs 231/01


SEPA

Sepa sta per Single Euro Payments Area, ossia l'Area Unica dei pagamenti in euro, che prevede sistemi armonizzati per questi tipi di operazioni effettuate nei paesi aderenti.

Approfondimento sulla norma


Soggetti collegati

La nuova disciplina in materia di “Attività di rischio e conflitti di interesse nei confronti di soggetti collegati” dispone che le banche si dotino di un sistema di presidi per la gestione di tali fattispecie. Obiettivo del documento è quello di disciplinare le procedure deliberative - in termini di soggetti coinvolti nel processo deliberativo e attività attribuite ai medesimi - di cui la Banca si dota al fine di preservare l’integrità dei processi decisionali nelle operazioni con parti correlate e soggetti connessi.

Attività di rischio e conflitti di interesse nei confronti di soggetti collegati