TAB SOCI LATERALE
icon_new_lat
ICONA SPAZIO SOCI ARANCIO
ICONA RASSEGNA STAMPA FONDO ARANCIO
MI PIACE - Banca Centro Emilia
icon_new_lat
 
MENU a scomparsa - TARGET PRODOTTI
 

Basilea 2, Credito Cooperativo e imprese

Le Banche di Credito Cooperativo (BCC) sono interlocutrici tradizionalmente privilegiate delle micro e piccole imprese, soprattutto di quelle artigiane. La prova sta nelle quote di mercato coperte in questo comparto dal sistema del Credito Cooperativo nel nostro paese: l'insieme delle BCC eroga infatti quasi un quarto di tutti i crediti a favore delle imprese artigiane con meno di venti addetti e poco meno di un quinti di tutti i finanziamenti alle altre imprese con meno di venti dipendenti. Da questi dati emerge con chiarezza l'importanza dell'accordo di Basilea 2 per le Banche di Credito Cooperativo e, di riflesso, per il flusso di crediti alle aziende che rappresentano un essenziale bacino di clientela per le BCC. La previsione, contenuta nel nuovo accordo sul capitale, di una ponderazione più bassa per i crediti cossiddetti retail (finanziamenti inferiori a un milione di euro) propria del metodo standardizzato, consente di scongiurare il rischio di razionamento del credito, ampliando, al contrario, la disponibilità di finanziamenti e le opportunità di sviluppo per le aziende di dimenzioni ridotte.
L'impatto per BCC e imprese del nuovo accordo sul capitale, potrà essere dunque tendenzialmente positivo, sotto il profilo dell'offerta del credito.
Uno dei vantaggi nell'applicazione di Basilea 2 da parte delle BCC consiste proprio nel legame stretto che unisce questa categoria di istituti di credito alle micro e piccole imprese. Il fattore "conoscenza diretta", caratteristica della relazione BCC-cliente, dà modo di calibrare al meglio la valutazione del merito di credito e dei rischi derivanti.